Buduàr 25 - Ramses Morales

COPERTINA DI RAMSES MORALES

Sputtanati a mezzo stampa

A volte la realtà della nostra società dell’informazione riesce a superare il paradosso dell’umorismo. Ma non fa ridere.

Ci sono dei nostri amici e collaboratori che in aprile si sono ritrovati al centro di una vicenda davvero inammissibile.

Achille Superbi, Agim Sulaj e Alessandro Gatto sono stati accusati di partecipare in Iran ad una mostra che vorrebbe negare l’Olocausto.

Una falsa notizia, non verificata, tremenda, da brivido. Peccato, ovviamente, che NON sia vera. Una grandissima bufala non nata per scherzo, ma dai mezzi di informazione che man mano l’hanno gonfiata, senza prendere la precauzione – precauzione che dovrebbe fare parte integrante dell’etica giornalistica – di verificarne la fonte. E per i artisti, trovarsi al centro della vicenda e delle ingiurie derivate è stato un vero schiaffo. Ho sentito personalmente più volte Agim e Achille e ho colto il loro rammarico, la loro impotenza davanti a questo flusso di fango e la loro rabbia.

Ma ricostruiamo i fatti, perché questo specifico accaduto rappresenta un esempio di quello che non dovrebbe essere il giornalismo, quello che non informa ma disinforma, per mancanza di etica professionale..

Non solo non è giusto sputtanare a mezzo stampa senza almeno verificare che la notizia sia vera, ma costituisce un danno alla reputazione e all’etica stessa delle persone coinvolte.

E purtroppo capita anche a giornalisti di fama.

L’undici aprile, sul Foglio, a firma di Giulio Meotti compare la notizia di una mostra in Iran, con relativa presenza di artisti Italiani e giustamente si indigna. Purtroppo è tratto in inganno dal fatto che sul sito dell’associazione di cartoonists iraniana ci siano i nomi di Superbi e Sulaj in quanto hanno partecipato ad altre edizioni della biennale, ma non certo a tematiche di questo tipo. Superbi realizza da sempre eccellenti caricature che espone in tuto il mondo, ma quasi sempre di calciatori o attori e non ha mai realizzato vignette di satira politica.

Stessa cosa per Agim che è un illustratore delizioso, che non si esprime solo attraverso la satira e mai per offendere altri. Diverso il fatto per Gatto che alcuni anni fa partecipò ad una mostra che poteva avere caratteristiche analoghe a questa.

Certo, negare l’olocausto è una delle cose più stupide che si possano immaginare. Leggendo poi le intenzioni degli organizzatori, la motivazione non è propriamente questa, ma quello di dare una sorta di risposta satirica al fatto che in occidente i giornali come Charlie possono liberamente sbeffeggiare il credo musulmano, e dopo i tragici fatti di Parigi il tono di vignette di questo tipo è ancora aumentato.

Si può da un lato comprendere, ma il tema resta molto scivoloso. L’Olocausto purtroppo è avvenuto ed è tragicamente innegabile.

Questo non impedisce certo oggi di poter fare vignette sui politici israeliani. Ma tutto questo riguarda l’oggi e non ha nulla a che vedere con l’Olocausto.

L’articolo di Meotti termina con una frase che lascia aperta una porta: “Speriamo di scoprire, per questi vignettisti e per noi italiani, che con questa nuova porcheria iraniana antisemita non c’entrano niente”.

Ma lunedì 13 aprile, la notizia è ripresa con foga da Pierluigi Battista che fingendo di scrivere ai responsabili della Repubblica dell’Iran rincara la dose con considerazioni ai limiti dell’ingiuria (lo valuteranno gli avvocati degli artisti) chiedendo se è vero che parteciperanno questi italiani.

(Dino Aloi, dall'editoriale del numero 25)

Leggi Buduàr 25

Il giornale è sfogliabile usando gli appositi tasti di navigazione in basso a destra di ogni pagina.
E' anche possibile sfogliare clikkando col mouse o usando il dito (su palmari e smartphone) e trascinando la pagina a destra, sinistra o in basso.

Iscriviti alla Newsletter

* campo obbligatorio
 

Partners

FM61 march cover

France Cartoons n01 web 1

CONTATTI

Redazione:

Via Francia 9
18038 Sanremo (IM)

Telephone: (039) 345.77.55.406

Email: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Tutte le immagini contenute nel sito e nella rivista sono dei rispettivi autori ed eventuali aventi diritto.
La riproduzione è vietata.

La collaborazione a Buduàr è gratuita e avviene su invito. Comunque è sempre gradita la visione di nuove proposte. E' possibile inviare le proprie proposte alla Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.